03-01-2021
Super User

Il Giudice di Pace di Lanciano, accogliendo il ricorso proposto dall'Avv. Alberto Paone, ha affermato che "il diritto di precedenza, negli attraversamenti non vigilati, viene meno nei confronti del pedone il cui comportamento deve essere improntato a maggiore cautela dovendo valutare le possibilità dell'attraversamento in funzione della propria sicurezza e di quella altrui in modo da non costituire intralcio alla circolazione: il conducente dell'autovettura ha solo l'obbligo di cedere il passo nel momento in cui è in atto l'attraversamento" (Sent. n. 165/2020).

20-11-2019
Super User

L’Avv. Alberto Paone ottiene presso la Corte di Cassazione Sezione Lavoro la riforma della sentenza di primo grado (in tela di lodo arbitrale irrituale) nella parte in cui era stato reputato ammissibile un intervento tardivo di terzo cui erano state liquidate anche le spese di lite.
La Corte ha affermato che “il chiaro dettato letterale dell’articolo 419 c.p.c. disciplina tutte le ipotesi di intervento del terzo ai sensi dell’articolo 105 del codice di rito, senza distinguere quelle previste dal comma uno dello stesso articolo dall’intervento adesivo dipendente, contemplato dal comma 2”.
(Cass. Civ. Sez. Lav. Sent. n. 30062/2019 del 18.09.2019)

29-07-2019
Super User

L’Avv. Alberto Paone ottiene un altro importante successo.
Difendendo un insegnante colpito da provvedimento disciplinare, l’Avv. Alberto Paone vede affermato il principio secondo cui il termine di convocazione del lavoratore chiamato a rispondere di illecito disciplinare è termine posto a garanzia del diritto di difesa del dipendente, per cui occorre valutarlo con riferimento alla data di effettiva ricezione, e non con riferimento alla data di spedizione dell’avviso di convocazione.
Il termini iniziali e finali che cadenzano il procedimento disciplinare rappresentano il limiti per l’esercizio del potere disciplinare ed alla loro violazione è chiaramente ricollegata la sanzione della decadenza.
(Trib. Lav. Lanciano, sent. n. 92/2019).